/Armero arrestato a Miami in Albergo
Armero Udinese

Armero arrestato a Miami in Albergo

Ultimamente il giocatore dell’Udinese Pablo Armero non ha lasciato segni significativi nelle sue stagioni in serie A con Napoli ed Udinese, ma in compenso il giocatore riesce a far parlare di sé comunque, anche se la situazione non riguarda il campo da calcio.

Nella notte tra ieri ed oggi, Armero è stato arrestato dalla polizia di Miami, dato che si trovava lì per vacanza, con l’accusa di violenza domestica.
La polizia ha fatto irruzione nel cuore della notte nella sua camera di albergo poiché allertata dagli altri ospiti della struttura che hanno provveduto a chiamare le forze dell’ordine.

Le urla e gli schiamazzi hanno portato all’irruzione, al momento dell’ingresso della polizia, il giocatore colombiano, è stato trovato insieme alla compagna Maria Bazan, madre dei suoi due figli, con delle forbici in mano e la donna con i capelli molto corti, come se tagliati da poco.

Maria Bazan ha spiegato agli agenti che è stata costretta a farsi tagliare i capelli in seguito al rifiuto di intrattenere un rapporto sessuale con il compagno.
La difesa del giocatore invece dichiara l’opposto, a detta di Armero pare infatti che sia stata lei a chiedere il taglio di capelli e dopo averli accorciati sia completamente impazzita.

Ovviamente la ricostruzione della donna è sembrata la più coerente e credibile, così Armero è stato portato in un centro correzionale.
Per quanto riguarda questo giocatore non si tratta del primo problema avuto nei confronti della giustizia, anche nel 2011 ad Udine fu bloccato mentre guidava sbandando in stato di ebbrezza con la sua macchina.
In quel caso rifiutò addirittura di effettuare il test del tasso alcolemico e fornì per giunta, agli agenti, una patente fasulla.