/NBA Finals – Curry si risveglia, Cleveland KO e anello ad un passo

NBA Finals – Curry si risveglia, Cleveland KO e anello ad un passo

Dopo tre partite sotto tono, Steph Curry si risveglia in gara-4 trascinando i Warriors al successo. Golden State si porta sul 3-1 nella serie e avrà a disposizione il primo match point nella notte tra lunedì e martedì davanti al proprio pubblico

Gara della verità alla Quicken Loans Arena di Cleveland, dove 48 ore prima i padroni di casa avevano ripaerto la serie travolgendo i Warriors.
I Cavs ritrovano Kevin Love, ma coach Tyronn Lue lo esclude dal quintetto dei titolari.
Il primo quarto è frenetico, Harrison Barnes sugli scudi per i Warriors nei primi minuti con i Cavaliers che rispondono con Irving, JR Smith e Tristan Thompson. Successivamente sono Klay Thompson da una parte e Irving dall’altra a darsi battaglia. LeBron James e Steph Curry si accendono nel finale. I Warriors chiudono avanti il primo quarto 29-28.

Curry e Thompson aprono il secondo quarto con una tripla a testa. Shumpert e Dellavedova rispondono mantenendo i Cavaliers a contatto. Nel finale di frazione è Irving a trascinare Cleveland. I padroni di casa chiudono il primo tempo avanti 55-50.

Nel terzo periodo Irving, il più ispirato dei suoi, prova a cucire il vantaggio, ma dall’altra parte gli Splash Brothers sono in partita e bombardano da 3 punti. Curry firma il canestro del sorpasso a 3 minuti dalla fine del terzo quarto. Si sveglia a questo punto LeBron James. Il prescelto inizia ad andare a referto e compie anche una sontuosa stoppata su Curry. L’MVP però non si scompone e continua ad andare a bersaglio, dall’altra parte è sempre Irving a trascinare i suoi. Il terzo quarto finisce con i Warriors avanti 79-77.

A inizio quarto quarto Love e LeBron James firmano il sorpasso. Livingston pareggia e una tripla di Barnes porta i Warriors avanti di 3. I Cavaliers vedono scivolare via la partita, Curry e Barnes portano i Warriors sul +9. LeBron inizia a forzare i tiri verso il canestro, senza però andare a segno. Nel finale è ancora Irving a trascinare i suoi, con un LeBron James nervosissimo. Tuttavia i Warriors mantengono il vantaggio grazie a Curry. Finisce 108-97 per i Golden State Warriors, che volano sul 3-1 e avranno a disposizione il match point per l’anello alla Oracle Arena.

Prestazione da MVP per Curry che mette a referto 38 punti. L’altro Splash Brother, Klay Thompson, ne mette 25. Dall’altra parte Kyrie Irving è il migliore dei suoi con 34 punti. LeBron James sfiora la tripla doppia con 25 punti, 13 rimbalzi e 9 assist, anche se il Prescelto perde lucidità nel momento cruciale della partita.