/Le pagelle di Real Madrid – Atletico Madrid

Le pagelle di Real Madrid – Atletico Madrid

Le pagelle della finale di Champions: il migliore del match è Sergio Ramos. Bene nel Real anche Modric e Casemiro. Per l’Atletico ottimo il contributo di Ferreira-Carrasco

Real Madrid

Keylor Navas 6: Praticamente inoperoso. Incolpevole sul gol, nella lotteria dei rigori intuisce il tiro sbagliato di Juanfran.

Carvajal 6: Partita attenta sulla fascia destra, esce per infortunio (dal 51′ Danilo 5: entra a freddo, soffre le incursioni di Filipe Luis e Carrasco. Si perde il belga sul gol del pareggio dell’Atletico. Nei supplementari riesce a cavarsela grazie all’aiuto di Lucas Vazquez).

Pepe 5: Causa il rigore in maniera ingenua con un intervento irruento. Le varie sceneggiate durante il corso della partita non sono degne di una finale di Champions.

Sergio Ramos 7,5: Come due anni fa c’è la sua firma sulla coppa. Sblocca il risultato, sempre attento dietro. Perfetto dagli 11 metri. Monumentale.

Marcelo 6: Impreciso, soffre Juanfran, non una delle sue migliori partite, a differenza di due anni fa. Riscatta una scialba prestazione dagli 11 metri.

Kroos 6: Il meno positivo del centrocampo del Real, partita senza infamia e senza lode. (Dal 72′ Isco 6: da vivacità soprattutto nei supplementari).

Casemiro 6,5: Giganteggia in mezzo al campo recuperando diversi palloni, fondamentale la sua presenza.

Modric 6,5: Padrone del centrocampo nel primo tempo, nel secondo tempo cala un po’ ma offre comunque due cioccolatini a Benzema e Ronaldo che però non concretizzano.

Bale 6,5: Il gallese è il più positivo del tridente del Real. Spizza di testa propiziando il gol di Ramos e si da da fare su tutta la fascia. Non sbaglia dagli 11 metri.

Benzema 5,5: Non brilla, fallisce il gol del raddoppio calciando addosso a Oblak. (Dal 76′ Lucas Vazquez 6: aiuta Danilo in copertura su Carrasco più che occuparsi della fase offensiva. Freddo dagli 11 metri).

Cristiano Ronaldo 6: Non una delle migliori partite di CR7. Poco brillante, non al meglio della condizione fisica, va detto. Fallisce due occasioni non da lui sull’1-0, ma segna il rigore decisivo. I suoi 16 gol in questa Champions gli varranno molto probabilmente il quarto Pallone d’Oro.

All. Zidane 6,5: Nel primo tempo imbriglia i Colchoneros, non riesce a prendere le misure tatticamente nella ripresa dove l’Atletico cambia atteggiamento tattico dopo l’ingresso di Carrasco. Riesce comunque a vincere la Champions da subentrato a stagione in corso.

Atletico Madrid

Oblak 6,5: Gran parata di riflesso su Benzema in arrivo, incolpevole sul gol. Nella ripresa buona uscita su Benzema. Sempre spiazzato dagli 11 metri.

Juanfran 5,5: Spinge molto nella ripresa, sforna l’assist per Carrasco. Ma il suo errore dagli 11 metri condanna l’Atlètico.

Godin 6,5: Sempre affidabile e sicuro dietro, una vera certezza per la difesa dell’Atletico.

Savic 6: Si perde Ramos sul gol. Nella ripresa fallisce un gol facile solo davanti a Navas. Salva sulla linea su Bale poco prima del pareggio.

Filipe Luis 6: Spinge molto nella ripresa mandando in difficoltà Marcelo in collaborazione con Ferreira-Carrasco. Si arrende ai crampi nei supplementari. (Dal 108′ Lucas Hernandez sv)

Koke 5,5: Non brilla particolarmente, si arrende anche lui alla fatica nei supplementari (dal 116′ Thomas Partey sv).

Gabi 6: tuttofare del centrocampo atletico, impeccabile dal dischetto.

Augusto 5: Perde il duello a centrocampo con Modric. Primo tempo disastroso per lui. Simeone lo sostituisce nell’intervallo. (Dal 46′ Ferreira-Carrasco 7: da vivacità all’attacco dell’Atlético e trova il gol del pari, manda in crisi Danilo risultando il più pericoloso dei suoi nel secondo tempo e nei supplementari).

Saul 6: Non brilla nel primo tempo, si accende nella ripresa con due conclusioni che però non inquadrano la porta. É freddo dagli 11 metri.

Torres 5: Inesistente. Non tocca praticamente palla, il rigore procurato è più un errore di Pepe che un suo merito.

Griezmann 5,5: Nel primo tempo é il più pericoloso dei suoi ma nella ripresa sbaglia rigore. L’errore pesa sul morale del francese che si spegne dopo l’errore. Si fa perdonare nella lotteria decisiva.

All. Simeone 6,5: Soffre nel primo tempo, ma nella ripresa azzecca il cambio Ferreira-Carrasco. Abbandona il cholismo e domina il possesso palla nella ripresa. Per la seconda volta in tre anni arriva vicino a sollevare la coppa dalle grandi orecchie, ma si deve arrendere.