/Zika: l’OMS respinge la richiesta di sospensione
virus Zika

Zika: l’OMS respinge la richiesta di sospensione

Botta e risposta tra gruppi di esperti, Nazioni unite ed OMS, richiesto il trasferimento o la sospensione di giochi di Rio, richiesta però negata.

Il virus Zika, un virus noto già dalla seconda metà del ‘900 che fu scoperto ed isolato più volte fino al 1954 è riapparso recentemente sul suolo sudamericano, nello specifico in Brasile, paese ospitante dei giochi olimpici di quest’anno, portando ad una vera e propria epidemia.

proprio a proposito dei giochi olimpici, un gruppo di 125 esperti ha inviato una lettera all’Organizzazione mondiale della sanità per chiedere che i giochi fossero sospesi o posticipati per far fronte al pericolo della Zika in diffusione nel paese ospitante, senza però alcun successo. L’OMS ha risposto infatti con un secco no, dichiarando la situazione come sotto controllo e priva di alcun rischio. Questa la nota di risposta delle nazioni unite:

“Sulla base dell’attuale situazione del virus zika, che circola in quasi 60 Paesi in tutto il mondo, non esiste alcuna giustificazione per la salute pubblica per posticipare o cancellare i Giochi”

Gli esperti però insistono, soprattutto quelli di Bioetica che parlano di un rischio non necessario dichiarando quanto segue:

“Si sta correndo un rischio non necessario, considerando che 500.000 turisti stranieri da tutti i Paesi assisteranno ai Giochi e potrebbero infettarsi per poi tornare a casa, dove potrebbero generare un’epidemia”

ma l’ONU risponde ad ogni colpo dichiarando che la malattia sia legata a difetti di nascita del paese sudamericano meta tra le tante di altri viaggi dovuti a tante altre motivazioni.